Limited Run Games, publisher che si occupa dell’offerta di edizioni da collezione di giochi che escono principalmente in formato digitale, ha rivelato tramite twitter qualche giorno fa l’esistenza dell’edizione fisica da collezione per console Wii U di Axiom Verge, disponibile a partire dal 29 marzo.

Dan Adelman, produttore di Axiom Verge, si è detto soddisfatto ma ha anche accennato al motivo del ritardo, ovvero una causa intentata contro il precedente publisher per l’area europea: Bandland Publishing.
Il motivo della rottura dei rapporti è da ricercare nell’accordo stipulato dalle due compagnie, secondo il quale Badland Publishing avrebbe pagato un 75% della propria quota per creare un fondo di aiuto per bambini nati con una disfunzione cerebrale chiamata Kernittero in onore del figlio dello sviluppatore Tom Happ, Alastair, affetto da tale malattia.

La situazione è degenerata quando Badland Publishing non ha mantenuto fede al contratto, portando quindi Adelman a intentare una causa per almeno 200.000 dollari sostenendo che la compagnia ha “rubato denaro a bambini affetti da disabilità”.
Badland Publishing ha dunque risposto con un tweet, sostenendo che la compagnia non naviga in buone acque e che sarebbe per loro impossibile rispettare, in questo momento, le condizioni originali ma impegnandosi comunque a ripagare il debito non appena possibile.

Gameinformer ha quindi parlato direttamente con Adelman per chiarire la situazione e, dalle parole del produttore, sembra che ci sia comunque la volontà di credere alle parole di Badland pronunciate inizialmente, tuttavia, la compagnia dovrebbe assumersi la responsabilità qualora i termini contrattuali non vengano rispettati e magari, cambiare strategia di contrattazione per evitare di incappare in incidenti del genere. Non ha aiutato inoltre il loro silenzio per diversi mesi, durante i quali Adelman era in attesa di una risposta da parte della compagnia.

Una situazione davvero spinosa per entrambe le parti in causa, voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti.

Fonte: Gameinformer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.