[UPDATE]

Jason Schreier di Kotaku conferma che il prossimo Assassin’s Creed sarà davvero ambientato nel mondo dei vichinghi. Evvai!

Schreier è una fonte attendibile e si è affermato come il giornalista del momento, grazie ad un puntiglioso articolo di più di 10.000 parole dove ha praticamente ‘smerdato’ Bioware e la produzione del catastrofico Anthem, tirando fuori tutti i loro scheletri dall’armadio.

E’ merito di un easter egg trovato in The Division 2 se il reporter di Kotaku ha vuotato il sacco.

Il gioco che mette i giocatori nei panni di un hipster fanatico del secondo emendamento, permette di esplorare l’intera Washington D.C. all’interno della quale si possono trovare diversi segreti tra i quali questo misterioso poster:

Come vedete vi è ritratto un guerriero norreno con in mano la Mela dell’Eden, artefatto Isu ben conosciuto dai fan dell’altra famosissima serie Ubisoft dedicata alle felpe col cappuccio: Assassin’s Creed.

Secondo altre fonti doveva essere l’Antica Roma lo scenario del prossimo scontro tra assassini e templari. Se vogliamo seguire un filo logico, quest’ultima scelta avrebbe avuto più senso e avrebbe completato la trilogia ‘antica’ composta da Origins e dal recente Odyssey (trovate qui la nostra recensione). Ma al diavolo i romani e la loro tattica militare, datemi un Drakkar e un equipaggio di feroci belve umane assetate di sangue!

Valhalla comprà!

1 Comment »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.