L’evento più atteso dalla FGC, la fighting game community, era già stato colpito duramente dall’emergenza coronavirus e modificato in una variante online per non lasciare a bocca asciutta tutti gli appassionati.

Nonostante si trattasse di una versione in miniatura e non del tutto soddisfacente, era pur sempre qualcosa, tuttavia l’ultima mazzata al torneo è stata data negli ultimi giorni quando l’organizzatore storico e CEO dell’Evo, Joey Cuellar, è stato accusato di molestie sessuali nei confronti di minori.

A seguito di queste accuse, che si sono eventualmente rivelate veritiere, titoli come Mortal Kombat, Street Fighter e Tekken hanno subito abbandonato il torneo, così come molte figure di spicco della FGC hanno confermato la loro assenza.

EVO Online è stato dunque cancellato e Joey Cuellar subito sostituito con Tony Cannon, che assume dunque il ruolo di CEO:

Speriamo dunque che il cambio di rotta coincida con un cambio di mentalità, lasciando dietro personalità dalla dubbia morale come Joey Cuellar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.