Captain Cat è un puzzle game con qualche anno alle spalle, pubblicato inizialmente su piattaforma mobile iOS e Android e portato recentemente dal publisher Hidden Trap anche su console Nintendo Switch.

Provato su Nintendo Switch

IN FONDO AL MAR

Capitan Gatto, il carismatico (?) protagonista sempre affamato di questo gioco ha deciso di andare a pesca per soddisfare i suoi peccati di gola ma dato che i pesci a pelo d’acqua gli fanno schifo preferisce complicarsi la vita e raccogliere quelli che vivono nei fondali più oscuri. Il sistema di gioco è estremamente semplice e intuitivo, anche troppo forse, risultando a tratti un po’ banale e scontato, soprattutto per chi è abituato a puzzle game che spremono il cervello come un’arancia matura. Ma vediamo in dettaglio di cosa si tratta.

Lo scopo del giocatore è quello di calare l’ancora della nave di Captain Cat e guidarla attraverso rocce, murene e altre amenità, fino al pesce che si trova sul fondale. L’ancora oscilla automaticamente da sinistra a destra e il giocatore dovrà premere un pulsante per far sì che questa avanzi in una direzione. Rilasciando il pulsante creerete un nodo, dal quale l’ancora inizierà a oscillare di nuovo e potrà essere orientata in una nuova direzione, meccanica fondamentale per muoversi negli intricati fondali. Una volta toccato il pesce lo stage è completato. Sul percorso avrete inoltre la possibilità di raccogliere monete e forzieri per migliorare il punteggio finale e ottenere da una a tre stelle marine.

La prima è legata alla raccolta di tutte le monete nello stage, la seconda alla quantità di nodi creati mentre la terza potrete ottenerla se avrete impiegato un lasso di tempo inferiore a quanto stabilito dagli sviluppatori. La maggior parte delle volte riuscirete a ottenere le tre stelle al primo tentativo, non si tratta quindi di un’esperienza particolarmente frustrante e potrete riprovare lo stage tutte le volte che vorrete senza nessun tipo di penalità.

La durata del gioco non è elevatissima e un giocatore smaliziato potrebbe terminarlo in meno di tre ore e purtroppo la rigiocabilità non è decisamente delle più elevate. Le modalità sono quattro: due “mondi” da 25 livelli l’uno, una modalità Perfect con altri 25 livelli e infine una modalità Infinite.

Il primo mondo vi metterà a vostro agio con pochi ostacoli e una manciata di meccaniche come la presenza di buchi neri che teletrasporteranno l’ancora in una diversa zona del fondale. Le cose si complicheranno (ma non troppo) nel secondo mondo quando dovrete gestire anche meduse e un numero più fitto di pericoli che richiederanno un po’ di precisione.

La modalità Perfect è forse quella più interessante e che richiederà svariati tentativi dal momento che non potrete creare nodi ma dovrete colpire il pesce bersaglio che si trova sul fondale in un solo tentativo. Dovrete quindi angolare bene l’ancora e calcolare i tempi per evitare murene e altri pericoli.

Infine, la modalità Infinite, vi vedrà impegnati a far scendere sempre più in basso l’ancora, evitando i pericoli sul percorso e procedendo abbastanza speditamente per evitare i piranha che avanzeranno inesorabili. L’idea dei piranha è quantomeno bizzarra dal momento che vivono principalmente in acqua dolce, parliamo quindi di fiumi e laghi mentre l’ancora affonda per chilometri in quello che è chiaramente mare oppure oceano. La scelta più ovvia sarebbero stati gli squali ma ammetto che potrei essere io quello troppo pignolo che richiede realismo.
Da un puzzle game.
Dove un gatto governa una barca.
E va a pesca con un’ancora.

Cosa c’è che non va con Captain Cat? In linea di massima il prezzo è decisamente elevato per quello che il gioco ha da offrire e sebbene si riveli un puzzle game decente con cui passare un paio d’ore, potrebbe venire a noia molto facilmente e la modalità Infinite non fa nulla per arginare la sensazione che i vostri soldi potrebbero essere meglio spesi altrove.

A chi consigliamo Captain Cat?

Se non avete avuto modo di giocare su piattaforma mobile il titolo, che ricordiamo è uscito per la prima volta nel 2012, e se siete fan sfegatati dei puzzle game e non riuscite a dormire se non affaticate la mente con dei rompicapo per almeno un paio d’ore al giorno, Captain Cat potrebbe essere un buon passatempo da aggiungere alla vostra collezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.