Avete presente quando c’è un lavoro sporco e qualcuno deve pur farlo?

No, non parliamo di quando è il vostro turno di pulire il cesso in casa, ma dei prodi e audaci Commandos!

Acquattati nel fango, dietro le linee nemiche i soldati alleati si apprestano a sabotare i loschi piani dei malefici nazisti, guidati da un’entità misteriosa capace di vedere tutto dall’alto e attivare i campi visivi di tutti i nemici nell’area. Poi, ogni tanto, qualcuno dei Commandos viene scovato dal nemico e crivellato malamente di colpi, oppure finisce su una mina antiuomo. E magari l’entità benevola si è scordata di salvare e quindi sono grandi bestemmie con pugni al vento!

Se avete giocato al recente e ottimo Shadow Tactics probabilmente vorrete dare una chance al remaster del suo padre spirituale creato nel 2001 dagli spagnoli Pyro Studios, rimasterizzato in HD da Yippee Entertainment e pubblicato da Kalypso Entertainment.
Andiamo un po’ a vedere cosa vi aspetta nel caso decidiate di acquistarlo presi dalla nostalgia, o semplicemente dal puro masochismo.

ProContro
+ Alto livello di sfida– Interfaccia e controlli invariati
+ Fascino retro– Tracce sonore caotiche
+ Trasposizione del titolo in HD ben riuscita 

Il fascino di questo titolo è innegabile, una perfetta unione tra gioco stealth e strategia che non a caso è rimasto un classico immortale del PC gaming, disponibile dal 24 gennaio anche su Switch, Xbox One e PS4. Giocare un titolo del genere con il gamepad potrebbe portarvi nel più profondo baratro di follia, infatti fortunatamente noi lo abbiamo provato su PC e siamo ancora parzialmente sani di mente.

sc6lim
Inferno s’incazza di brutto se non beve almeno tre birre medie ogni mattina.

Andiamo a Commandare!

I vecchi aficionados del gaming su PC ricorderanno sicuramente l’agonia e la difficoltà di questo stealth isometrico, ma anche la soddisfazione nel riuscire a trovare la giusta soluzione per ogni situazione e scenario. Commandos 2 HD Remaster è un puzzle game misto agli scacchi travestito da gioco strategico stealth, dove dovrete analizzare i livelli e capire quali mosse fare per poter completare la missione… possibilmente con tutti i vostri bei soldatini vivi!
Il nemico non sono i nazisti, ma bensì la vostra capacità di pianificare o improvvisare!

La visuale dall’alto vi mostra subito un livello con una situazione ben chiara e un’obbiettivo da raggiungere. Nella maggior parte delle missioni i vostri Commandos partiranno da un luogo appartato, dietro le linee nemiche. Potrete vedere i soldati e gli ufficiali tedeschi muoversi per il livello e avere una loro routine di azioni determinate, come pattugliare una zona, fumarsi una sigaretta di nascosto o farsi due belle chiacchiere su quanti pretzel hanno raddrizzato col sedere durante l’ultimo Oktoberfest.

Ora, ognuno dei vostri cari Commandos avrà delle abilità base e speciali oltre a un inventario con determinati oggetti e armi.
Potrete camminare, correre, abbassarvi, sparare e colpire i nemici. Ogni classe potrà compiere queste azioni con diversi esiti, per esempio il piccolo ladro francese Lupin sarà velocissimo e si potrà arrampicare sui pali della luce, mentre Il nerboruto e rude Berretto Verde irlandese Jack O’Hara potrà accoltellare senza pietà gli ignari soldati tedeschi e poi sotterrarsi per non farsi scoprire. Il devastante Inferno invece è il l’uomo adatto per le operazioni di sabotaggio e per trovare gli esplosivi grazie al suo metal detector. Ogni missione vi mette a disposizione Commandos diversi, quindi sta a voi decidere come utilizzare le loro abilità al meglio.

sc6lik
Trovate i Commandos.

Commandi ostici

Se pensate che l’impresa sarà facile vi sbagliate di grosso, perché Commandos 2 HD Remaster ha lasciato invariata la difficoltà del gioco, quindi ogni vostra mossa sbagliata risulterà quasi sicuramente in un disastro. Mandate avanti il Berretto Verde in una zona minata? Boom, morto. Il ladro viene scoperto mentre si sta arrampicando come una scimmia sui pali della luce? Boom. Morto. Vi viene in mente di sparare a tutti come dei fessi senza pensare? Disinstallate il gioco.

In Commandos dovete pianificare qualsiasi mossa, fortunatamente infatti avrete a disposizione dei salvataggi per poter portare a termine tutte le missioni senza troppi patemi d’animo. Ovviamente potete improvvisare, non c’è uno schema fisso con il quale affrontare le cose, ma in generale qualsiasi azione rumorosa o movimento poco furtivo sarà fatale.

Grazie a un comando innovativo per l’epoca (si parla del 1998, data di uscita del primo Commandos: Behind the Enemy Lines), potrete vedere chiaramente il campo visivo dei soldati in modo da poter sgattaiolare alle loro spalle o passare inosservati senza farvi scoprire. Questo campo visivo è la vostra arma principale ed è una delle skill fondamentali da imparare a utilizzare per poter completare le missioni. Questo è diviso in una sezione verde e in un’altra di verde scuro. Quando un incauto Commando entrerà nella zona verde scura, sul personaggio che vi ‘ha visto’ uscirà il classico puntino interrogativo sulla testa. Se non fate in tempo a nascondervi, i nemici daranno l’allarme e vi si fionderanno addosso sparando e gridando improperi in tedesco, lingua che ormai tutti i gamer hanno imparato grazie a Wolfenstein 3D. Mein leben!

Ovviamente se entrate subito nel campo visivo verde chiaro la situazione sopra descritta si svolgerà molto più rapidamente. I Commandos morti restano morti per tutto il livello quindi o ricaricate la missione o provate a risolvere la situazione con quelli che rimangono. L’intelligenza artificiale lavora abbastanza bene, le guardie si sposteranno a seconda della zona dove è stato dato l’allarme, troveranno i cadaveri e seguiranno le tracce. Insomma questi non sono i nazisti imbecilli dei nuovi Wolfenstein, questa è gente che se vi trova vi scuoia e vi usa come imbottitura per i wurstel.

Ora, sebbene questo sia un Remaster del gioco non aspettatevi nessun tipo di innovazione nei comandi o aiuti: l’interfaccia è praticamente la stessa del gioco originale, quindi vi toccherà imparare tutte le ‘hotkeys’ generali per i diversi Commandos in modo da poter giocare con più fluidità. Per quanto riguarda l’aspetto visivo, questa versione ha subito un notevole lifting quindi addio a pixellosi e squadrati soldatini, benvenuta alta risoluzione!

Per il resto però è tutto uguale, non è stato neanche aggiunto un qualche tutorial per spiegare ai nuovi giocatori alcune funzioni importanti. Sin dalle prime due missioni verrete messi di fronte a situazioni piuttosto complesse, a volte senza alcun tipo di guida o indicazione. Questo non è un gioco proprio immediato, quindi forse si potevano aggiungere per rendere la vita più facile a chi non ha mai giocato ad un titolo del genere. Anche i controlli non hanno subito modifiche e che in qualche caso sarebbero state gradite, più che altro per far avvicinare i giocatori provenienti dal ben più moderno e dinamico Shadow Tactics. Teniamo sempre conto che si tratta di un gioco vecchia scuola, creato in un epoca dove i giochi per PC erano tutt’altro che semplici. Anche la musica è rimasta invariata e il missaggio con gli effetti sonori è un totale disastro, vi toccherà aggiustare un po’ i vari volumi nelle impostazioni del gioco se non volete rimanere assordati dalla letale sinfonia di urla tedesche, mitragliate, esplosioni e orrida musica orchestrale militaresca.

sc6lii
Un po’ come Robert De Niro in Irishman: volto da giovane su corpo di vecchio.

A chi consigliamo Commandos 2 HD Remaster?

Da un lato il non aver alterato in nessun modo l’interfaccia o il gameplay del gioco farà sicuramente felici i vegliardi nostalgici ai quali scenderà sicuramente più di una lacrimucia al primo crucco scannato malamente col pugnale. D’altra parte questo Remaster minimale può risultare ostico far avvicinare i gamer più giovani a questo titolo decisamente ‘vecchia scuola’.
Ve lo consigliamo se avete apprezzato Shadow Tactics e state cercando un’esperienza di gioco simile. Potrebbe essere un buon modo per attendere Desperados 3. Gli amanti degli strategici potranno trovare una sfida appassionante e gratificante, sempre se riescono a chiudere un occhio sui comandi poco immediati.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.