Breath of the Wild 2, titolo provvisorio del sequel di The Legend of Zelda: Breath of the Wild per Wii U e Nintendo Switch, è stato presentato con un teaser trailer durante il direct Nintendo all’E3 2019 e i cuori di tutti i fan hanno iniziato a sussultare in modo anomalo.

Come è nata però l’idea di creare un sequel per il capitolo? Si tratta di un evento assai raro per la serie The Legend of Zelda. In un’intervista a Kotaku Eiji Aonuma, il producer del gioco, rivela che il team aveva così tante idee per DLC aggiuntivi che sarebbe stato meglio unire tutte queste idee e sviluppare un nuovo gioco.

Secondo queste dichiarazione è possibile immaginare che il gioco non sia così in alto mare con lo sviluppo e potrebbe essere più vicino di quanto crediamo (magari vacanze natalizie 2020? Lo speriamo!)

Nel frattempo potete catalizzare la vostra attenzione sul remake sviluppato dalla software house Grezzo: The Legend of Zelda – Link’s Awakening. L’originale uscì per GameBoy nel 1994 e vedrà la luce in una nuova versione per Nintendo Switch in uscita il prossimo settembre.

Si tratta di un periodo d’oro per il franchise, preparate i portafogli dunque!

Fonte: Kotaku

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.