In Belgio il sistema di loot box non è andato proprio giù alle alte sfere del governo e sono state, non completamente a torto, identificate come gioco d’azzardo dalla Dutch Gaming Authority lo scorso anno.

Questa notizia ha portato compagnie che fanno ampio uso di tale metodo di guadagno come EA, Blizzard e 2K, a rimuovere le microtransazioni dai propri giochi in Belgio dando comunque la possibilità ai giocatori di acquistare i titoli.

Nintendo, invece, sembra abbia deciso di attuare un approccio più duro e non prendersi la briga di offrire versioni prive di microtransazioni, rimuovendo i giochi dalla regione. I titoli interessati al momento sono due: Animal Crossing Pocket Camp e Fire Emblem Heroes che non saranno più disponibili dal prossimo 27 agosto.

Giochi di questa tipologia provenienti dalla casa di Kyoto, inoltre, non saranno più rilasciati in Belgio. Quanto questo influirà sulla reputazione della compagnia non sappiamo dirlo ma sicuramente farà sollevare più di qualche sopracciglio.

 

Fonte: Destructoid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.