Nell’ultimo numero del magazine giapponese Famitsu è presente un’intervista al produttore di Tales of Arise, Yusuke Tomizawa, dove ha parlato in modo più approfondito dei protagonisti Alphen e Shionne.

La scelta di creare un design più maturo e proporzionato è stata presa per dare ai giocatori la sensazione che questi personaggi abitino davvero il mondo di gioco oltre che dare una nuova direzione artistica alla serie Tales of.

Alphen è più adulto rispetto agli altri protagonisti del franchise. Non è in grado di provare dolore e quindi riesce a continuare a lottare anche quando è ferito. Questa si rivela però un’arma a doppio taglio poiché le troppe ferite potrebbero portarlo alla morte senza che se ne renda conto. I suoi alleati, conoscendo la sua condizione, lo costringono a indossare una pesante armatura per proteggerlo dai pericoli.
La sua capacità di utilizzare una spada infuocata è data proprio dall’incapacità di provare dolore ma ciò non lo rende immortale.

Shionne, l’eroina, è invece maledetta e il semplice toccarla può sottoporre il malcapitato a ondate di dolore ed elettroshock. Il tema del dramma che si consuma all’inizio della storia è quello del potere che può essere utilizzato solo da Alphen e Shionne.
Tra i dettagli è possibile notare che solo gli abitanti del pianeta Rena possono usare armi da fuoco.

Le informazioni rivelate dal producer ci aiutano a capire meglio il mondo di gioco e alcune scelte fatte in materia di character design. Cosa ne pensate di questi elementi? Tales of Arise si rivelerà un capitolo davvero innovativo? Fatecelo sapere nei commenti!

Nel frattempo potete dare uno sguardo al trailer d’annuncio dell’E3, quello presentato in Giappone al Tales of Festival e alcune considerazioni su come la serie si evolverà.

Fonte: Ryokutya2089

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.