Aggiornamento: Sony ha recentemente smentito quanto affermato su Bloomberg Japan, tramite Gamesindustry ha infatti sottolineato che:

Nonostante non riveliamo dettagli riguardo la produzione, ci teniamo a sottolineare che l’informazione fornita da Bloomberg è falsa. Non abbiamo cambiato le unità di produzione di Playstation 5.

Secondo quanto emerge da un articolo di Bloomberg Japan di Takashi Mochizuki, riportato dall’analista Daniel Ahmad, Sony avrebbe rivisto la produzione di Playstation 5 per l’anno fiscale in corso (che terminerà il prossimo marzo). Il taglio è considerevole, si parla infatti di 4 milioni di console in meno, portando il totale a 11 rispetto ai 15 milioni inizialmente previsti.

Questo calo sembra dovuto a problemi relativi al SoC, System on Chip, con una quantità di assemblati inferiore alle aspettative iniziali. Va comunque sottolineato che rispetto al lancio di Playstation 4 Sony ha stavolta puntato molto in alto, con una produzione iniziata a luglio 2020 molto maggiore di quanto visto nella scorsa generazione per poter andare incontro all’elevata domanda scaturita dalla pandemia di COVID-19 che ha costretto le persone a passare maggior tempo in casa.
Questo intoppo con i SoC, però, ha portato le console Playstation 5 prodotte allo stesso livello (o quasi) di quelle di Playstation 4, fattore che potrebbe almeno in teoria portare a dei problemi di disponibilità al lancio.

Ancora non abbiamo una data di lancio per Playstation 5, né un prezzo ufficiale, nonostante si vociferi di 399 per la Digital Edition e 499 per quella standard con lettore. Per saperne di più potete seguire il PS5 Showcase che si terrà il 16 settembre 2020, dove saranno rivelate molte informazioni soprattutto sulla lineup di lancio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.