Moonlighter è un indie action RPG roguelite con elementi gestionali, sviluppato da Digital Sun e distribuito da 11bit studios, uscito originariamente su PC nel 2018 e portato per tutte le maggiori console moderne successivamente. A distanza di circa un anno dall’uscita originale su PC, la prima grande espansione a pagamento Between Dimensions arriva su Playstation 4, Switch e Xbox One.

+ Nuova occasione per rivisitare Rynoka– Novità non particolarmente sorprendenti
+ Alcune aggiunte che rinfrescano il gameplay

Di ritorno a Rynoka

Moonlighter è tra i titoli più famosi degli ultimi anni nel suo genere, talvolta giudicato per la sua incerta identità e il voler fare diverse cose senza portare a completa realizzazione nessuna di queste. Per chi se lo fosse lasciato sfuggire, si tratta di un roguelite action RPG ambientato nel piccolo villaggio di Rynoka, dove il giovane mercante Will eredita la gestione di un negozio chiamato Moonlighter.

Giusto accanto a Rynoka, si trovano alcuni dungeon misteriosi che sembra nascondano arcani misteri e ricchi tesori. La società rurale del paese è così divisa in eroi avventurieri e mercanti che si dividono i compiti per mandare avanti l’economia locale. Il nostro eroe Will però, nonostante i consigli e gli avvertimenti del vecchio Zenon, decide di farsi strada nei quattro dungeon principali, aumentando così la propria fama e portando al successo economico la propria attività commerciale.

A fare da gancio per il giocatore è il loop di gioco ispirato interamente al meno noto Recettear di EasyGameStation, rielaborandolo in maniera più moderna e accattivante. Will deve alternare le due attività principali ogni giorno, avventurandosi nei dungeon per rimediare ogni oggetto di valore da poi rivendere in negozio. Una volta tornati a casa, il bottino potrà essere esposto per i clienti, e starà al giocatore cercare di stimare il prezzo migliore per ottenere il miglior profitto.

A questo proposito, Moonlighter venne criticato per il modo un po’ goffo con cui gestiva l’aspetto gestionale del negozio: l’archivio segna tutte le informazioni degli oggetti, compreso il prezzo corretto una volta indovinato, e i diversi menù permettono di riordinare tutto per prezzo, anche oggetti mai visti prima. Inoltre, i prezzi sono suddivisi in fasce, incrementando a blocchi. A questo si aggiungono due piccole varianti, la popolarità dell’oggetto e la ricchezza del cliente, che possono far gonfiare ulteriormente i guadagni. Ciò che ne risulta però, è una sorta di breve sforzo di intuito che lascia poco spazio a sperimentazione e non si traduce in una meccaniche divertente per il giocatore.

Un nuovo viaggio tra dimensioni

Between Dimensions porta con sé alcune novità che si fondono con l’avventura base, ma il grosso delle novità è accessibile solo dopo aver completato la trama principale. Tracce dei nuovi dungeon sono accessibili lanciandosi nel vuoto, quando nei dungeon si scorgono delle bollicine di gelatina verde. Tra i vari misteri, si nasconde l’accesso a un livello extra che ci affida un’arma maledetta (trick weapon) per la durata del dungeon e inevitabilmente si distrugge quando si esce. Queste armi possono essere di ogni tipo, e spesso non sono particolarmente potenti, ma è nell’uso dell’abilità speciale che si cela il potenziale, attivabile però a costo dei nostri cari HP.

Circa tre mesi dalla conclusione dell’avventura di Will, nei pressi di Rynoka viene ritrovato un nuovo portale verde. Il Dungeon del Ramingo (Wanderer Dungeon) è il sesto dungeon esplorabile del gioco, che modifica alcuni degli elementi dell’esplorazione: stavolta la formula dei tre piani con boss finale viene sostituita da una serie di piani unica.

I dieci piani che compongono questo dungeon sono di difficoltà crescente e ci sarà bisogno di numerosi potenziamenti per battere il boss finale. Per aiutare l’esplorazione, ci si imbatterà in teletrasporti e si avrà la possibilità di sbloccare delle scorciatoie, di costo sempre più alto di denaro e di oggetti maledetti. L’emblema del mercante, che permetterebbe la fuga immediata per un sicuro rientro al Moonlighter, è completamente disabilitato, centrando il focus sulla gestione del denaro e degli oggetti.

Il livello di sfida è più alto, i nemici un mix di vecchi e nuovi, e il senso di progresso è talvolta smorzato dal frequente bisogno di fare ritorno per riordinare, sistemare e vendere il loot e potenziarsi. Il dungeon unico causa alla lunga un certo senso di monotonia difficile da non notare.

Chiaramente il tutto va preso nell’ottica di un’espansione di contenuti del titolo originale e non come avventura totalmente nuova, soprattutto per coloro che hanno completato la storia di Will e a cui non è bastato il solo new game plus a convincere a tornare.

I giocatori che decidono di viaggiare tra dimensioni si imbatteranno in 10 nemici e 5 miniboss del tutto originali, dieci trick weapon e una moltitudine di equipaggiamenti nuovi. Chi è incerto sul da farsi, in ogni caso, riceverà gratuitamente un aggiornamento che include dei nuovi ladruncoli che tentano di rubare in negozio, un uccello che infastidisce la clientela e un nuovo tipo di cliente: l’indeciso.

L’incredibile fascino della pixel-art è invariato quando non arricchito, e i fan di Moonlighter o chi preferisce un approccio più prettamente action, possono provare il titolo fratello, Children of Morta, che abbiamo recentemente recensito per voi.

A chi consigliamo Moonlighter: Between Dimensions (DLC)?

Quasi non c’è da chiederlo: chi non è stato convinto dalla release originale di Moonlighter non rimarrà sconvolto né verrà conquistato da questa espansione. Gli sviluppatori hanno un po’ giocato sul sicuro, cosicché chi ricorda con piacere le avventure di Will e ha ancora un leggero languore per i misteriosi dungeon dietro a Rynoka, apprezzerà sicuramente le novità aggiunte alla formula dal DLC Moonlighter: Between Dimensions.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.