Bladed Fury, titolo action a scorrimento laterale di Next Studios, già autori di Crown Trick e disponibile dal 18 dicembre 2018 su PC tramite la piattaforma Steam arriva il 26 marzo 2021, a distanza di ben tre anni quindi anche su console, precisamente Playstation 4 e Nintendo Switch come titolo digitale.

Provato su Nintendo Switch


L’urlo di Ji terrorizza la corte

Il periodo degli stati combattenti (476 a.C. – 221 a.C.) è uno dei setting più prolifici per il popolo cinese, con una quantità di racconti, film, videogiochi e media di ogni tipo che narrano o reinterpretano le vicende che videro coinvolti gli stati più influenti. Parliamo di un’epoca particolarmente cruenta, con sanguinose battaglie tra le forze di Chu, Zhao, Qi, Wei e naturalmente i legisti di Qin, che li riunificarono formando il primo vero e proprio impero cinese nel 221 a.C.

Bladed Fury prende il via in quel contesto, con la principessa Ji, figlia del duca Kang di Qi, accusata dell’omicidio del padre e costretta quindi a fuggire da palazzo lasciandosi alle spalle la sorella maggiore, promessa in sposa all’ufficiale Tian. Lo scopo della giovane è quello di scoprire la verità riguardo la morte del padre e riprendere il suo legittimo posto alla corte di Qi, aiutata da divinità e spiriti che affondano le proprie radici nella mitologia cinese.

Il prodotto riesce a colpire immediatamente grazie a uno stile visivo ricercato, differenziandosi da altre produzioni simili, con un character design piacevole e un sistema di combattimento raffinato nella sua semplicità. Ji dispone di due armi: una coppia di spade con cui attaccare velocemente e uno spadone più lento, ma in grado di deflettere proiettili nemici e rompere lo scudo degli avversari più forti, una combinazione dei vari attacchi permette di giocare con i nemici facendo crescere il combo counter tra juggle e colpi acrobatici che vi daranno un profondo senso di soddisfazione. Chi si è divertito a picchiare i pirati giapponesi in 9 Monkeys of Shaolin, si troverà a suo agio, date le premesse simili.

Cos’è un enigma?

Avanzando e sconfiggendo boss e mid-boss avrete accesso anche ad attacchi speciali che sfrutteranno le loro anime, in grado di bloccare gli avversari in un vortice o far piovere su di essi frecce mistiche. Non mancano meccaniche come parry da eseguire con tempistiche precise e gli immancabili potenziamenti che potrete acquistare presso i Save Point sparsi in giro per la mappa. A proposito di quest’ultima, ogni sezione di gioco è composta da una mappa specifica con qualche bivio in stile metroidvania anche se non particolarmente complesso.

Per avanzare vi verrà chiesto di risolvere anche qualche puzzle, tuttavia si tratta di veri e propri accenni di meccaniche che non sono stati particolarmente approfonditi e il tutto si limita a “recati in posto A, B e C per ottenere determinati oggetti” oppure “recati presso X, Y e Z per attivare o distruggere interruttori”.

Se quindi la mescola di elementi non è sempre riuscita e a sorreggere il tutto troviamo semplicemente la natura hack and slash del prodotto, vogliamo comunque elogiare ancora una volta la cura delle animazioni, degli attacchi nemici e dei boss, questi ultimi soprattutto molto convincenti nei loro pattern e presentazione globale, maestosi e imponenti a schermo e piacevoli da buttare giù senza troppo stress. Bladed Fury non inventa nulla di nuovo, ma svolge il compito con eleganza, lasciando forse un po’ troppo affamato il giocatore al termine dell’avventura, con il desiderio di continuare ma senza la motivazione necessaria che dovrebbe essere fornita da nuovi sviluppi di trama.

Per quanto concerne il sonoro, invece, dobbiamo constatare che è tutto troppo tranquillo e non vi sono tracce esplosive che sottolineino l’azione, ma solo musiche evocative che ben accompagnano le sessioni di esplorazione ma lasciano a desiderare durante le azioni frenetiche.

Ben lungi dall’essere un’esperienza frustrante o difficile, Bladed Fury lascia comunque al giocatore la possibilità di tarare il titolo in base al grado di sfida che si preferisce, scegliendo tra Easy, Normale e Hard. Aggiungiamo però che quest’ultima risulta bloccata alla prima run, pertanto dovrete completare il gioco almeno una volta prima di potervi cimentare con la massima difficoltà, una limitazione di cui avremmo fatto sinceramente a meno ma che, data la durata effimera del gioco (in tre ore circa raggiungerete i crediti finali) non si rivela un ostacolo per chi apprezza la produzione e ha intenzione di giocare Bladed Fury almeno un paio di volte. Sicuramente un modo per incrementare la longevità globale, tuttavia il rischio è proprio quello di incorrere nelle ire dei giocatori un po’ più esperti.

Switch oh Switch, molto Bladed, poco Fury

Se l’opera è a tutti gli effetti senza infamia e senza lode, tutt’altro si può dire di questo port per Nintendo Switch che fa spesso cilecca apparentemente in modo inspiegabile. A schermo non avrete mai una quantità esorbitante di nemici o centinaia di effetti particellari che potrebbero affaticare l’hardware Nintendo eppure, EPPURE, cali di frame sono praticamente onnipresenti anche mentre si è praticamente soli nello scenario. In combattimento questo si tramuta in lag con pulsanti non registrati e perdita di momentum durante una combo particolarmente ben riuscita. La maggior parte delle volte questo non si rivela un problema, difficilmente morirete grazie ai numerosi strumenti di assist come oggetti di recupero della vitalità, ma lascia senz’altro una bella dose di disappunto. Un hack ‘n slash 2D deve poter contare su un gameplay flawless per essere divertente e, con rammarico, non l’abbiamo trovato sull’ibrida Nintendo.

A chi consigliamo Bladed Fury?

Il port per Nintendo Switch è tutt’altro che ottimale e forse il modo migliore per giocare il prodotto restano proprio la piattaforma Playstation 4 e PC (dove per inciso il costo del titolo rientra nella fascia giusta, inferiore del 50% circa rispetto a quanto riportato su eShop). Gli amanti degli hack and slash non possono che apprezzare la presentazione artistica che ricorda (con i dovuti accorgimenti) le produzioni Vanillaware ma riteniamo comunque opportuno sottolineare che, qualora l’unica piattaforma su cui potete giocare Bladed Fury sia proprio Switch, potrebbe essere il caso di attendere uno sconto.

Character e boss design di ottimo livelloSonoro un po’ scialbo
Gameplay divertente……ma che si esaurisce in fretta per la brevità del titolo
Versione Switch con framerate ballerino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.