Valfaris è un run’n’gun stile Contra sviluppato da Steel Mantis, i medesimi ribelli di pelle ideatori di Slain: Back from Hell.
Rimanendo fedeli allo stile grafico del loro primo titolo, con Valfaris hanno voluto proporre qualcosa di decisamente più immediato e frenetico. Il risultato è un prodotto decisamente ben riuscito che offre un buon livello di sfida senza risultare troppo frustrante. Il titolo uscirà il 10 Ottobre 2019 su PC\PS4\Xbox One e Nintendo Switch.
Abbiamo provato la versione PC su Steam grazie a un codice inviatoci dal produttore.

ProContro
+ Veloce e adrenalinico– Boss un po’ troppo semplici
+ Armi devastanti– Grafica in alcuni punti caotica
+ Estetica Metal 
+ Ottimi controlli 
+ Gestione dei checkpoint originale 
20191008235107_1
Questo è ciò che succede ai nemici del METAL!

Vulgar Display of Power

Il metallo regna supremo e noi siamo i suoi umili sudditi. Ci inchiniamo davanti al Trono a V fatto di corde, osanniamo gli Dei della doppia cassa e rimaniamo ipnotizzati dal richiamo profondo del basso, mentre la voce vulcanica dell’infinito ci sussurra un’unica cosa: muovere su e giù la testa fino a spezzarsi il collo!

In Valfaris ci troveremo nei panni di Therion, un principe metallaro pronto a riprendersi il trono del Pianeta Metal dopo che il padre Re ha praticamente mandato a puttane il suo regno, lasciando che venisse invaso dalla musica trap e dal soul depressivo piano-voce. Questo al nostro Therion proprio non è andato giù e messa su l’intera discografia dei Judas Priest, si lancia con la sua fida astronave in picchiata sul pianeta, pronto a seminare morte, distruzione e ovviamente del sano Metallo.
Ad aiutarlo ci penseranno la sua folta chioma blu, una IA dalle fattezze femminili, l’headbanging sfrenato e una serie di armi gigantesche.

Il gioco, fedele alla vecchia scuola, si divide in diversi livelli alla fine dei quali dovremo affrontare un terribile boss che metterà alla prova i nostri riflessi. All’inizio del gioco partiremo con una pistola laser per gli attacchi a distanza e una spada per quelli ravvicinati, ma potremo acquisire nuove armi nel corso della nostra metallica avventura. Per la difesa della sua folta chioma, Therion avrà a disposizione uno scudo che se attivato al momento giusto gli permetterà anche di bloccare i colpi a distanza dei nemici e rispedirli al mittente. Lo scudo si potrà usare solo da fermi, cosa che permette di sparare in diverse direzioni senza muoversi, una tattica che i vegliardi fan di Contra potranno apprezzare.

20191008234028_1
Con tre teste puoi fare il triplo HEADBANGING! Fallo nel nome del METAL!

A differenza di molti run’n’gun come Metal Slug o lo stesso Contra, in Valfaris avremo a disposizione una barra della vitalità e una dell’energia, quindi non moriremo al primo colpo del più fesso dei nemici. La barra dell’energia invece viene utilizzata dallo scudo e dalle devastanti armi secondarie. Una volta esaurita la potremo recuperare raccogliendo un apposito power up oppure sviscerando i nemici con lo spadone, mentre per la vitalità dovremo optare per dei suggestivi cuori pulsanti. Scudo e armi secondarie sono fondamentali per la vittoria sui boss più agguerriti, questo spinge il giocatore a gestire l’energia con un certo criterio.

Le tre tipologie di armi hanno diversi livelli di potenza: la spada fa malissimo, ma si rischia molto a usarla contro determinati nemici; l’arma primaria è utile per gli attacchi a distanza, mentre le armi secondarie sono devastanti, ma consumano velocemente l’energia dello scudo. Ogni arma che troverete si potrà potenziare usando degli oggetti chiamati Blood Metal che solitamente sono nascosti in aree segrete del livello, sbloccando nuove caratteristiche e aumentando il danno.

20191007072222_1
Questo vermone è abbastanza METAL… mi ci farò un giretto!

Pierced From Within

I vari livelli di Valfaris sono divisi per checkpoint chiamati Echo Chambers, attivabili usando dei Cristalli Verdi che troverete nel livello. Quando morirete verrete automaticamente trasportati nell’ultima Eco Chamber attivata. In queste piccole stazioni di sosta potrete anche cambiare le armi e potenziarle usando i sopraccitati Blood Metal.

Se però vi sentite coraggiosi e volete aumentare il livello di sfida del gioco già abbastanza alto, potete decidere di non attivare i checkpoint e conservare i Cristalli Verdi. Noterete che per ogni Cristallo la barra vitale aumenterà, inoltre alla fine di ogni livello, dopo aver sconfitto il boss potrete investire i Cristalli per ottenere dei preziosi Blood Metal. Valfaris è un gioco ben equilibrato, con checkpoint messi nei punti giusti che eliminano il tedio di dover ripetere lunghe sezioni di un livello senza poter salvare.

Il level design si sviluppa sulla velocità e sugli scontri frenetici con i nemici, più che sull’esplorazione e sui salti precisi. Mettiamo le cose in chiaro: questo non è un platform, bensì uno sparatutto con alcune sezioni platform, una boccata d’aria fresca in un mondo dove ormai ogni gioco indie in 2D segue il canone dei metroidvania.
Valfaris è una botta di adrenalina pura, dove farete saltare in aria qualsiasi cosa si muove e dove le viscere dei vostri nemici adorneranno l’armatura. Più che il tempismo e la strategia, qui vincono i riflessi e la capacità di scegliere le giuste armi per ogni situazione.

I nemici sono abbastanza variegati tra di loro sebbene la maggior parte sia solo carne da cannone da triturare. I boss offrono un buon livello di sfida, senza però essere troppo forti da far sembrare lo scontro squilibrato. Aspettatevi però di morire un po’ di volte prima di riuscire a massacrarli, in quanto ci saranno dei pattern da memorizzare o tattiche particolari che permetteranno di farla franca senza soffrire troppo. I comandi responsivi, veloci e precisi non lasciano spazio a scuse: se morirete è solo perché non sarete stati abbastanza metallari.

Nel caso poi siate degli esperti run’n’gunner, potete sempre rifiutare di attivare i checkpoint e cercare di finire i livelli in un solo colpo. Così facendo otterrete il titolo di Demone Fiammeggiante dello Shredding e dell’Headbanging e avrete il nostro profondo rispetto.

20191007073045_1
Ti piace il METAL? No? ALLORA MUORI!!!

Formulas Fatal to the Flesh

La presentazione a livello grafico e sonoro di Valfaris è un vero spettacolo. Sembra di stare in una sorta di fumetto acido degli anni ’70 partorito da Jodorowsky o Moebius, uno di quelli che si potevano trovare sulla rivista Totem. I colori rancidi e il design volutamente gretto delle ambientazioni e dei mostri sono una vera gioia per gli occhi, a questi si aggiungono effetti visivi di buon livello e una fluidità che permette di giocare senza rallentamenti o cali di frame rate.

La colonna sonora è composta da riff cadenzati e pesanti, il perfetto accompagnamento per una abbondante carneficina! Le animazioni sono di buon livello, con qualche dettaglio qui e lì che male non fa, sebbene non stiamo parlando di niente di eccezionale. E d’altronde, Valfaris non ne ha bisogno, perché animazioni troppo dettagliate si sarebbero sposate male con la velocità del gioco.

In alcuni punti il gioco diventa caotico a causa degli effetti grafici esagerati e di alcuni colori un po’ troppo accesi, ma non al punto da renderlo ingiocabile. Forse alcuni boss potevano essere un po’ più interessanti e offrire un livello di sfida superiore a chi magari è abituato agli scontri più tosti presenti negli spietati titoli giapponesi.

A chi consigliamo Valfaris?

Valfaris è un ottimo titolo, un passo da gigante in avanti rispetto a Slain: Back From Hell. Non occorre essere dei metallari per apprezzare questo gioco, se siete dei gamer old school in cerca di un run’n’gun frenetico e spettacolare, non rimarrete affatto delusi. Il sistema di checkpoint lascia decidere al giocatore il livello di difficoltà con il quale vuole affrontare il gioco, rendendo Valfaris un buon punto di partenza per chi vuole avvicinarsi al genere.
Se invece preferite l’esplorazione dei metroidvania e non sopportate l’estetica o la musica metal, allora Valfaris non vi piacerà in quanto potreste ritenerlo un po’ troppo ‘semplice’. A voi cervellotici individui possiamo consigliare l’arcigno Blasphemous. 

Stay metal or die! 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.