Dopo che gli utenti avevano dato un’occhiata alla pagina del gioco sul Microsoft Store, notando subito la dicitura “Offre acquisti in-app”, avevano iniziare a iperventilare e rabbirividire.

Su internet si è scatenata la bufera, al grido di “come vi permettete di aggiungere microtransazioni in un titolo main di Crash Bandicoot?!”.

Toys for Bob, la software house dietro il nuovo capitolo, già autori della Reignited Trilogy di Spyro, è dunque corsa immediatamente ai ripari con un tweet, sostenendo che c’è stata un po’ di confusione e vogliono sottolineare che non ci saranno microtransazioni in Crash4.

Il dubbio era nato in seguito al Totally Tubular Skin Pack, una sorta di DLC separato per oggetti cosmetici. Pur di non veder scatenare una shitstorm, Toys for Bob ha inoltre sottolineato nel tweet che il Totally Tubular Skin pack sarà gratuito e presente in ogni copia del gioco.

Tutto è bene ciò che finisce bene, no? Crash Bandicoot 4: It’s about Time arriverà su Playstation 4 e Xbox One il prossimo 2 ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.