Koei Tecmo, sviluppatore e publisher di una gran quantità di titoli dalla forte impronta giapponese, si è trovata a fare una apparentemente strana richiesta a tutti i fan.

Il giorno di San Valentino, in Giappone specialmente, è una ricorrenza durante la quale si è consolidata l’usanza di regalare cioccolato alla persona amata. Nulla di male fin qui, no? In realtà, per certi versi qualcosa di male c’è, dal momento che Koei Tecmo ha rilasciato un comunicato ufficiale nel quale chiede espressamente di non inviare cioccolato di San Valentino ai personaggi dei propri videogiochi.

Eh già, proprio così, ci sono masse di fan adoranti che, innamorat* dei personaggi che è possibile utilizzare in franchise come Touken Ranbu Warriors o Dinasty Warriors, da mostrare il proprio supporto inviando cioccolato.

Ecco il comunicato ufficiale:

Vi ringraziamo per il supporto alla compagnia e ai nostri prodotti, vogliamo ancora una volta esprimere la nostra gratitudine a tutti coloro che ci hanno inviato regali.

Al momento, però, come contromisura relativa alla pandemia, molti dei nostri dipendenti lavorano da casa. Dopo aver considerato le difficoltà nel ricevere pacchi e preoccupazioni legate a motivi di salute, quest’anno decliniamo rispettosamente i regali di San Valentino e del White Day.

Grazie per la vostra comprensione e copperazione.

Sembra dunque, almeno dal comunicato, che la pratica fosse comunque tollerata, se non addirittura apprezzata in passato. E voi cosa ne pensate? Siete d’accordo con la scelta di Koei Tecmo di evitare rischi per questo 2022? Fatecelo sapere come sempre nei commenti e ricordate di passare anche sulle nostre pagine Facebook e Twitter!

Ricordate inoltre che abbiamo recensito svariati titoli Koei Tecmo, come la serie Atelier Ryza, il nuovo Blue Reflection: Second Light, Atelier Mysterious Trilogy DX e il JRPG dedicato a Fairy Tail.

Fonte: Koei Tecmo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.