Durante RGG Summit, ovvero il panel tenuto da Ryu Ga Gotoku Studio lo scorso 14 settembre, sono emerse numerosissime novità relative alla saga Yakuza (di cui, se ben ricordate, abbiamo recensito gran parte dei capitoli e trovate tutte le nostre impressioni proprio sul nostro portale). Abbiamo avuto modo di discutere ampiamente degli annunci nel nostro podcast disponibile su Spotify, se non avete tempo di leggere quindi vi consiglio di recuperarlo seguendo il link.

In sostanza, sembra che RGG Studio si allontanerà dal nome Yakuza, traducendo letteralmente il titolo della serie giapponese che sarà Like a Dragon. In seno a questa decisione sono stati presentati ben tre giochi del franchise, tra sorprese e ritorni graditi. Il primo dei titoli che arriverà a gennaio 2023 è Like a Dragon: Ishin!, remake action con il nuovo engine di Yakuza Ishin!, rimasto finora confinato nella sua versione originale per PS3 e PS4 in Giappone. Potete trovare il trailer e sessioni di gameplay direttamente qui in basso.

A seguire abbiamo poi avuto la presentazione del nuovo Like a Dragon 8, un breve teaser dove però possiamo vedere due figure ben note. Il titolo, stando a RGG Studio, arriverà quasi certamente nel 2024 (a meno che non vi siano ritardi dell’ultimo momento). Per quanto concerne il gioco, continuerà la tradizione iniziata con Yakuza: Like a Dragon, ovvero il gameplay di natura RPG. Potete trovare il teaser direttamente qui in basso.

L’ultimo annuncio, che ha comunque sorpreso tutti, è la creazione di uno spin-off che avrà una durata pari alla metà di un titolo canonico, si tratta di Like a Dragon Gaiden: The man who erased his name. Da ciò che abbiamo potuto vedere dal trailer di annuncio, si tratterà del ritorno di Kazuma Kiryu con il classico gameplay action e narrerà le vicende del beniamino più amato di tutti tra Yakuza 6 e Yakuza 7 (Like a Dragon). Lo trovate qui in basso.

Con questo si conclude la nostra copertura del panel di RGG Studio, ricordiamo che tutti i titoli arriveranno su PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series e PC, sembra quindi la software house non sia ancora del tutto pronta ad abbandonare le console di vecchia generazione.

Per avere notizie in merito al mondo dei videogiochi non dimenticate di aggiungere la nostra home page ai preferiti e di visitarci quotidianamente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.